broder

qui da me avrai pane e un bicchiere sempre pieno, un letto morbido e lenzuola pulite, avrai una mano da stringere nei momenti di paura e una mano che alzerà la tua quando il peggio sarà sconfitto.

chiunque soffre è mio fratello.e soffro con lui finché ci sarà speranza, ch’è l’ultima a morire perché prima muoiono tutti gli altri.

se dovessi scegliere da che parte schierarmi, tra destra e sinistra, tra santi e diavoli, starei dalla parte di chi soffre ed è pronto a cambiare, lottare e rinnovare il modo in cui guarda al mondo.

vivere è una cosa bella e seria. roba non da tutti,

(astenersi perditempo, milanisti e juventini)

(Visited 24 times, 1 visits today)

24 Comments

    1. digito digito 07/05/2019 at 17:10

      ?

      Reply
  1. Avatar Claudia 06/05/2019 at 20:13

    Sulle lenzuola pulite, però, non ci giurerei. ?

    Reply
    1. digito digito 07/05/2019 at 17:10

      neppure sul pane fresco e il bicchiere pulito

      Reply
  2. Avatar Franco Lampur 07/05/2019 at 06:24

    Che sarebbe un bel post se non dovessi astenermi su esplicito invito (due qualità su tre mi appartengono per diritto divino)… p.s. Claudia sparla delle tue lenzuola..ma pure il bicchiere pieno? De che? 🙂

    Reply
    1. digito digito 07/05/2019 at 17:11

      🙂

      purché sia pieno, no?

      Reply
  3. Avatar Riccardo Giannini 07/05/2019 at 07:56

    Un portone aperto, finalmente.
    Ha detto bene Franco: a volte nella blogosfera bisogna girare con l’elmetto e si trovano muri e opzione di moderazione.
    Viva il portone aperto, che non significa mancanza di regole, ma voglia di condividere, di conoscere, di gioire e soffrire con altri.

    Reply
    1. digito digito 07/05/2019 at 17:12

      porti e portoni (per me) dovrebbero sempre essere aperti.

      Reply
  4. Avatar Irene 07/05/2019 at 11:15

    Un bel pensiero, ed è anche tornato il sole. Si sente finalmente un pò di calore… 🙂

    Reply
    1. digito digito 07/05/2019 at 17:12

      eh. più sole e calore, meno calorie 🙂

      Reply
  5. Avatar Daniele Verzetti Rockpoeta® 07/05/2019 at 17:32

    Qui un bel porto, da me una piazza libera ed aperta. Bello, vivo e profondo questo tuo “manifesto” di apertura verso il prossimo.

    Reply
    1. digito digito 07/05/2019 at 18:44

      allora viva i porti e le piazze aperte. viva chi apre e spera ?

      Reply
  6. Avatar Paola S. 07/05/2019 at 19:14

    Bello il tuo post, ci vogliono persone in grado di stare accanto a chi ne ha bisogno quando ne ha bisogno 🙂

    Comunque io sono una brutta persona perché quando ho qualcuno accanto che sta, per esempio, arrendendosi o sta male e se ne lamenta, non riesco ad avere quell’atteggiamento dolce e comprensibile perché, invece, sono una di quelle che ti urla all’orecchio “DAIII CAVOLO, REAGIAMOOOO, ALZIAMOCIIII E LOTTIAMO, BASTA TAZZOOOO, DAIIII, ” xD

    Reply
    1. digito digito 07/05/2019 at 19:35

      tazzo? tazzo è bello. (non ho mai sostenuto che le persone in stato di bisogno non mi drenino i maroni, ho solo detto che ascolto, mi siedo accanto a loro, instauro una comunicazione e poi lascio che parlino), sono cose diverse. però tazzo è proprio bello, tazzo 🙂

      Reply
      1. Avatar Paola S. 07/05/2019 at 19:41

        Tazzo ti dà la possibilità di esprimere la tua rabbia ma con finezza perché le parolacce non si dicono, soprattutto se sei una signorina xD

        Reply
        1. digito digito 07/05/2019 at 19:45

          che eleganza, quelle finesse ? (sono serissimo, eh)

          Reply
          1. Avatar Paola S. 07/05/2019 at 20:28

            Oooh merci beaucoup 😀
            Alla fine te l’ho detto che ho iniziato a leggere anche in francese?
            ⏹️Si
            ⏹️No
            ⏹️Forse
            ⏹️Non me ne frega un tazzo

            Reply
            1. digito digito 07/05/2019 at 20:38

              mais c’est une nouvelle merveilleuse! j’en suis très heureux. le français est toujours la langue de l’amour, la langue des sentiments incontrôlables qui envahient le cœur.

              traduco: prendere due etti di mortadella, 3 di ricotta di capra e 1 etto di nutella, comprimere fino a quando non si ottiene una palla corposa e lanciarla contro l’auto di quella testa di tazzo che parcheggia sempre sul marciapiede davanti al cancello di casa.

              (bravissima. ah, la cultura, che bella cosa) mi hai reso felice e marocchino. (l’arabo fenice)

              Reply
              1. Avatar Paola S. 11/05/2019 at 14:30

                Ma non mi serve la traduzione, avevo capito benissimo che si trattava di una ricetta da sparare in faccia alla gente testa di tazzo 😀
                Comunque anche io sono amante della cultura, infatti appena divento ricca mi iscrivo sicuramente a tutti i corsi di lingua esistenti al mondo.
                Cioè che vado a slinguazzare la gente in giro, che hai capito.

                Reply
                1. digito digito 12/05/2019 at 17:16

                  bello slinguazzare la gente in tutte le lingue esistenti al mondo.

                  Reply
  7. Avatar Cristina 12/05/2019 at 20:59

    dovremmo tenerci per mano tutti un pò più spesso in questo mondo…
    (se devo essere sincera è una cosa che mi manca parecchio ultimamente…)

    Reply
    1. digito digito 13/05/2019 at 05:36

      comincia a farlo, allora. comincia a offrire la tua mano a qualcuno. se ti manca arriverà presto. è impressionante la capacità della vita di darci ciò di cui abbiamo bisogno, nel momento in cui ne abbiamo bisogno.

      Reply
  8. Avatar Anonimo 17/05/2019 at 17:49

    Hai scritto bene , che i porti ed i portoni non dovrebbero chiudersi per l’umanità che soffre.
    Un caro saluto

    Rosy

    Reply
    1. digito digito 26/05/2019 at 15:24

      cuori, portoni, anime, mente e cuori. bravissima (grazie)

      Reply

commenta pure, lascia la scia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.