una vite in vacanza

altra notte a cercare una risposta che non arriva, che le risposte, anche a lasciarle sul comodino, se ne vanno in giro per conto loro. libro sulla pancia, occhi che una corda sembra tenere perpendicolari al soffitto, braccia dietro la testa e mani che si intrecciano sotto il cuscino. poi un’illuminazione che ti racconto qui sotto, nel file audio.

La rete della vita – Fritjof Capra

tutto questo non è meraviglioso, sbalorditivo? non è una forma infinita di bellezza? non è illuminante? come cantava umberto tozzi “danza, sento che si illumina la panza“. (i fan di tozzi sono fantozzi?)

la vita è un posto meraviglioso, e ci andrei pure in vacanza. e te, quando entri nella sacralità della tua vita pensa che sei una meraviglia calata dall’alto per portare forza e luce. presentati con la delicatezza di un pugno di fiori.

vi lascio con una frase del sommo poeta gigi d’alessio:
e se tu, ora, in cambio di un bacio chiedessi la mia morte io, senza esitare, tenderei le labbra verso te

ps: visto che mi fate tutti le stesse domande (legittime, eh), qui c’è la pagina faq. visitala da te. faq you.

in gnagna we trust
(Visited 12 times, 1 visits today)

32 Comments

  1. Avatar RIccardo Giannini 01/05/2019 at 08:48

    Il libro sulla pancia e le braccia dietro al collo mi fanno ricordare i tempi in cui, a letto per la febbre, leggevo, poi a un certo punto mi stancavo per il mal di testa e mi mettevo così, a riposo, con il fumetto o il giornale sulla pancia :D.
    La vita è un posto meraviglioso: eh sì, anche perché è l’unica che abbiamo e dobbiamo cercare di essere ottimisti e di vedere il meglio.

    Reply
    1. digito digito 01/05/2019 at 10:34

      trascende, garbato amico virtuale, trascende. la vita è un posto meraviglioso perché sembra che tutto cospiri per creare un’impalcatura che ci faccia crescere, ci dia nuovi spunti, nuovi modi di pensare e vedere. non è esente da drammi, piccoli o grandi che siano, ma tutto fa parte di un tutto più grande e lì, in una dimensione tutta nostra (inalienabile e non giudicabile), tutto ha un senso compiuto.

      Reply
  2. Avatar Daniele Verzetti Rockpoeta 01/05/2019 at 08:52

    Sentire la tua voce spaziare in riflessioni così profonde è stata una rivelazione. Sono meno convinto della sacralità della vita nonostante abbia della stessa un’alta considerazione. Giisso su Gigi D’Alessio lol …

    Reply
    1. digito digito 01/05/2019 at 10:35

      daniele, la vita è meravigliosa, sempre e comunque. e tutti noi siamo bellissimi e necessari

      Reply
  3. Avatar Deadpool 01/05/2019 at 10:26

    Si la vita è un posto davvero meraviglioso, ma Gigi D’Alessio meriterebbe un tir addosso mentre gigioneggia in tangenziale…
    certo pensando di non aver generato alcuna forma vivente (almeno credo), il tuo file mi incupisce vagamente la giornata… e vabbe’… le mie molecole morranno (morseranno? mortiranno?) con me medesimo..

    Reply
    1. digito digito 01/05/2019 at 10:36

      non volevo intristirti. affatto. crea. lascia la tua eredità, scrivi, cesella. tutto è in divenire. ti stupirai delle cose che potrai fare, se già non sei stupito di quelle che hai fatto.

      Reply
  4. Avatar Cristina 01/05/2019 at 11:03

    Ora capisco perché a me non vengono mai illuminazioni di questa portata… generalmente mi addormento con la faccia sul libro e tutto diventa nero.
    Ma la tua frase “la vita è un posto meraviglioso, e ci andrei pure in vacanza. e te, quando entri nella sacralità della tua vita pensa che sei una meraviglia calata dall’alto per portare forza e luce. presentati con la delicatezza di un pugno di fiori” merita tantissimo.

    Reply
    1. digito digito 01/05/2019 at 11:53

      ciao. non credo di averti mai letta, quindi ti do il benvenuto in questo spazio. addormentarsi con la faccia sul libro è uno sport meraviglioso. se la frase merita tantissimo (troppo buona) è, probabilmente, perché ti ci riconosci. ?

      Reply
      1. Avatar Cristina 01/05/2019 at 17:37

        Credo di non avere commentato mai qui ma tu sei venuto spesso da me…
        Mo, vediamo se riesco a farti capire chi sono xD

        Reply
        1. digito digito 01/05/2019 at 17:41

          urca. e nonostante tu non abbia mai commentato non sei riuscita a resistere un altro po’? allora ti vuoi male 🙂

          (scherzo, grazie di avere lasciato traccia del tuo passaggio. so chi sei, ora lo so) 🙂

          Reply
  5. Avatar cristiana 01/05/2019 at 11:03

    “Non v’è rimedio per la nascita e la morte, salvo godersi l’intervallo.”
    Non puoi ancora sapere che sono una fan di Schopenhauer, che mi accalappiò con il suo pensiero sui cani.
    Bella l’immagine del tuo amico.
    Cristiana

    Reply
    1. digito digito 01/05/2019 at 11:56

      Di Schopenhauer ho letto tutto ma l’eudemonologia e il suo realismo non mi hanno convinto mai del tutto (w i cani)

      Reply
  6. Avatar dott jekyll 01/05/2019 at 11:47

    Al buio la mente continua a funzionare come una macchina divoratrice, l’unica cosa sveglia dell’universo. Chi siamo, quando non stiamo recitando chi siamo?

    L’amore è assoluto, non si può comandare, accelerare, evitare, guidare.
    Gigi l’ha scritto quel verso solo perché sapeva che l’amore non chiederebbe mai nulla in cambio se non se stesso.

    “Non è forse questa la maledizione del genere umano: che, aggrovigliati in un incongruo legame, due esseri agli antipodi siano costretti a combattersi in eterno nel grembo straziato di una medesima coscienza? “

    Reply
    1. digito digito 01/05/2019 at 12:01

      ciao a te, dottor jekyll e benvenuto. chiedi a me chi siamo quando non recitiamo? non lo so. siamo noi quando non recitiamo. credo.

      l’universo è pieno di cose meravigliose fino al punto di essere indecenti e la mente è il frutto innocuo del dna. non siamo pensieri, non siamo mente, non siamo il nostro corpo, siamo quello che facciamo e, forse e in parte, pure quello che mangiamo.

      l’amore chiede molto in cambio, secondo me. vuole passione, vuole la volontà, vuole il sudore, vuole la voglia di volere rimanere svegli ad ascoltare quando il sonno chiama.

      e, siccome qui c’è della cultura, alla citazione di stevenso rispondo così: “più che la degenerazione di un mio difetto, fu quindi la natura troppo esigente delle mie aspirazioni a fare di me quello che sono stato e a scavare in me un solco – più profondo che negli altri – fra il bene e il male, le due provincie che scindono l’uomo e ne compongono la duplice natura. le circostanze mi indussero così a meditare a lungo e a fondo su questa dura legge della vita, che è alla radice della religione e dà origine alle più grandi infelicità della condizione umana”

      qui, le cose importanti sono le due provincie, che richiamano al regno e la dualità e la duplice natura che è innata in ogni uomo, proprio perché l’uomo non è mai una cosa sola. con le dovute eccezioni.

      Reply
  7. Avatar Claudia 01/05/2019 at 15:04

    Oggi ti lascio un commento super frivolo.
    Adoro la tua voce che, per fortuna, conosco bene.
    E la pagina faq, ops.. fac.. mi ha fatto ridere troppo. Ti lovvo. Adios

    Reply
    1. digito digito 01/05/2019 at 16:18

      la pagina fac si è resa necessaria. comunque questo commento non te lo pago 🙂

      Reply
  8. Avatar RIccardo Giannini 01/05/2019 at 22:38

    Il libro (fumetto sulla pancia), le braccia dietro la testa.
    Io quando da bambino\ragazzino avevo la febbre e stavo a letto, nei momenti in cui la lettura aumentava il mio mal di testa :D.
    La vita è un posto meraviglioso? E’ l’unica, questa è, siamo in un albergo a una stella? Due? Tre? Dobbiamo accontentarc.

    Reply
    1. Avatar RIccardo Giannini 01/05/2019 at 22:39

      *accontentarci

      Reply
      1. Avatar Anonimo 03/05/2019 at 10:03

        ciao, il tuo commento era già arrivato (e ho anche risposto). per un motivo che mi sfugge (ma ci lavorerò), restano visibili solo i primi 20 commenti. non so perché, la risposta è nel codice php e appena avrò un attimo gli darò un’occhiata. buona giornata

        Reply
  9. Avatar Daniele Verzetti Rockpoeta® 02/05/2019 at 11:41

    Non capisco, ci dovrebbero essere 21 commenti e ne conto solo 17, ne mancano 4 tra cui il mio. Io ti ho commentato sia questo post che il precedente ma dei miei commenti non c’è traccia. Sono io che non li vedo per qualche strana ragione oppure è successo qualcosa? Scusa il commento off topic.

    Reply
    1. Avatar Anonimo 03/05/2019 at 10:04

      ciao. hai ragione e mi scuso. c’è un problema nella visualizzazione dei commenti. esistono, ci sono, ma vengono restituiti solo i primi 20. ci lavorerò, è sicuramente una ca__ta che ho fatto io nel maneggiare gli script e i codici. ti chiedo un po’ di pazienza. un abbraccio

      Reply
  10. Avatar Irene 02/05/2019 at 16:01

    Certo che la notte vaneg… ehm… rifletti da dio (per rimanere in tema col precedente post), e c’hai pure una voce da dio… Bella bella.
    Pure la vita è una bella cosa, potrebbe anche essere una similvacanza, se non la prendessimo sempre troppo sul serio (anche per le fesserie, intendo).
    Il tuo audio lo lascio in eredità al mio propropropro nipote (augurandomi che non sia una brutta persona) ^_^

    Reply
    1. digito digito 03/05/2019 at 10:08

      vaneggio, sì. mica solo la notte. la voce? come confà a tutti gli uomini brutti, la natura concede voci apprezzabili. è la legge del contraBBasso (suonato in genere da uomini alti).

      la vita è meravigliosa. esci di casa. siediti in un posto tranquillo. osserva. sentiti parte di un tutto di cui fare parte è già privilegio. respira, lascia che la pancia si gonfi prima dei polmoni, espira. chiudi gli occhi e senti cosa ti dice lo stomaco, immagina di vibrare insieme al tutto. riapri gli occhi e sorridi. sei viva, sei tu. sei la porta che nessuno può chiudere, sei la volontà e l’amore che metti nelle cose che fai. sei la volontà e l’amore che decidi di mettere in ciò che fai. è libertà, è arbitrio, è la firma del tuo passaggio ovunque, nel mondo, su questo blog, dal salumiere filosofo. dio esiste. siamo noi.

      Reply
      1. Avatar Irene 06/05/2019 at 12:57

        Questo me lo sono segnato. Lo devo conservare. Ogni tanto me lo rileggo (magari pure quando sono scazzata)… con un sottofondo sotto (magari di Buonvino, o di Ludovico, che loro mitigano gli stati d’animo ed esaltano le parole).
        Dio siamo noi, ecco, Io c’è, è un film, di un tizio che si inventa una religione tutta sua (lo IOnismo) per trasformare il suo b&b in un luogo di culto e non pagare le tasse. Ma poi succede che la gente IOnica sta meglio veramente…

        Reply
        1. digito digito 06/05/2019 at 14:19

          credo tu riponga troppe aspettative nelle stupidaggini che scriveggio. so sorrI

          Reply
  11. Avatar Metalveg 03/05/2019 at 15:46

    La notte tendo di più a vagheggiare che a vaneggiare ma è bello seguire il flusso dei propri pensieri senza curarsi di dover andranno realmente a finire.
    Di notte è tutto più intenso e si sente tutto più forte…anche quello che fanno quegli sporcaccioni del quarto piano! Per forza poi non dormo eh

    Reply
    1. digito digito 03/05/2019 at 16:40

      figurati, gli sporcaccioni del quarto piano si sentono fino a qui.

      Reply
  12. Avatar Gus O. 04/05/2019 at 23:42

    Met, ti manca un maschio?

    Reply

commenta pure, lascia la scia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.