libera nos a maalox

la camera ha poca luce, e poi è molto più stretta di come da giù immaginavo… ah! no! questo è ligabue (il toto cutugno con la chitarra elettrica). rifaccio

la camera ha poca luce, e poi… cazzo! rifaccio

la camera è piena di sedie e specchi, come se guardarsi e rimirarsi servisse a lenire l’attesa. in mezzo al rettangolo di sedie 2 tavolini riforniti di riviste per intenditori acculturati, riviste altamente specializzate: su una, in cima a una pila, campeggia una gieffina paparazzata al mare in topless. un ventilatore muove la carta patinata, sembra quasi voglia girare pagina, come un dito invisibile di chi, in questa sala tutta sedie e specchi, di attesa c’è morto.

un fotografo probabilmente neppure bene appostato, a giudicare dalle pose plastiche con cui la signorina mette in bella vista il seno, farà migliaia di euro per vendere le foto a una rivista. chi fa l’italia ogni giorno, tra operai, impiegati, contadini e juventini, deve lavorare giorni per guadagnare quello che un paparazzo incassa in pochi secondi. e io che credevo il seno servisse per allattare, questo invece è lì per mungere. (se fosse lì per mingere sarebbe un seno strano)

sulla copertina di un’altra rivista un ballerino di colore, come tony, ma nero.

la signora seduta affianco a me sta scrivendo su whatsapp una frase di osho, con evidente aria di appagamento (e io che credevo fossero aggratisse).

la voce dall’altoparlante si fa trionfalmente sentire: “il treno 24056 delle 14 e 15 proveniente da roma tiburtina e diretto a cesano di roma è in arrivo al binario 2. attenzione! non oltrepassare la linea gialla. ferma in tutte le stazioni tranne la tua”

e la cosa assurda è che ero dal medico

(Visited 322 times, 1 visits today)

22 Comments

  1. Avatar salina 01/08/2019 at 15:09

    Digito non ho capito molto bene

    Reply
    1. digito digito 01/08/2019 at 17:42

      siamo in due, tranquilla

      Reply
  2. Avatar Viktor Henterich 01/08/2019 at 16:23

    Messere, voi mi parlate di cose mai udite. Provengo da decenni or sono.

    Reply
    1. digito digito 01/08/2019 at 17:43

      siamo in tre, messere. almeno credo (aridaje con ligabue)

      Reply
  3. Avatar Rosy 01/08/2019 at 17:53

    C’è sempre un orologio ad indicare il tempo che (spero passi in fretta) corre anche se a volte sembra fermo…E nel frattempo tutto Accade.

    Un caro saluto a presto.

    Rosy

    Reply
    1. digito digito 01/08/2019 at 18:42

      accade sempre tutto. e a noi tocca il compito di lasciare che accada, senza resistenze. un fiore per te.

      Reply
  4. Avatar Simona 01/08/2019 at 18:12

    Eri dal medico, spiega tutto 😉
    Senti non mi arrivano le notifiche dei post, riproverò 🙂

    Reply
    1. digito digito 01/08/2019 at 18:43

      gnegnegne 🌹 😁 (ero dall’oTorino, ma a Roma)

      errore mio, ho fatto una ca__ta, ma ho corretto. grazie

      Reply
  5. Avatar Marina 01/08/2019 at 21:46

    Niente, non ti preoccupare: sono gli effetti collaterali del Maalox e dell’estate!

    Reply
    1. digito digito 02/08/2019 at 06:54

      quindi non devo preoccuparmi? fiuuu… meno maalox

      Reply
  6. Avatar Claudia 02/08/2019 at 11:53

    Non ho capito un cactus neanch’io e le mail continuano a non arrivarmi. Che disastrooooo.
    Però almeno adesso mi esci nel blogroll, ed è già un miracolo.
    “Fazz a dé”. (É dialetto Pugliese. Arrangiati..).. 😜❤

    Reply
    1. digito digito 02/08/2019 at 12:24

      non ho capito neanche io. ero dal medico, poi mi sono distratto.

      ora le email arrivano, ieri sera simona (sopra) mi ha fatto notare che avevo fatto un errore e l’ho corretto.

      blogroll, qualsiasi cosa sia, lo dici a tuo cugGino 🙂

      mi arrangio, sei caruccia a dirmelo, grazie (flower)

      Reply
      1. Avatar Claudia 04/08/2019 at 07:47

        Significa “Grazie a Dio”.
        Comunque le mail dei commenti non mo arrivano.
        Buttalo questo blog, buttalo.
        E torna a casa……. 😜

        Reply
        1. digito digito 04/08/2019 at 07:49

          davvero? ho fatto un paio di test, sembrava funzionasse. gli do un’occhiata, grazie.

          abbi pazienza, sto imparando. qui è cucito tutto a mano.

          blogspot? no, grazie. troppo limitato. funziona bene, eh? ma non gli si può chiedere più di quello che dà. buona domenica e una carezza a lorenzo.

          Reply
  7. Avatar CIRINCIAMPAI 02/08/2019 at 22:55

    Potrebbe essere una forma di triage…
    Dentro c’era un cartello “se non hai sentito nemmeno l’annuncio del diretto per Cesano non c’è più niente che io possa fare per lei”

    Se poi non hai visto il cartello, per te c’è un oculista, molto bravo, amico suo…

    Reply
    1. digito digito 03/08/2019 at 08:26

      ero certo (certissimo) che tu ci saresti arrivata. si ripresenti a ottobre accompagnata dai genitori (anche non suoi, purché credibili)

      è la storia (vera) del racconto restituitomi da un amico che, dal medico, ha ricevuto una brutta notizia e ne è uscito scombussolato. e a me è venuto di scriverla così. mi ha detto quello che pensava nella sala d’attesa, quando – il realismo s’inchiappetta l’ottimismo e il pessimismo – era certo che, da lì a poco, una notizia lo avrebbe travolto.

      Reply
      1. Avatar CIRINCIAMPAI 03/08/2019 at 17:55

        Arghhhhh
        Mi spiace! Mi spiace per il tuo amico.

        A dire il vero ho sentito sul “tranne la tua” una vibrazione poco rassicurante ma ho deciso di ravviarmi il ciuffo dietro l’orecchio e mandare in aria tutto.

        A volte proprio non si vuol vedere, e niente può l’oculista. Desolée.

        Reply
        1. digito digito 04/08/2019 at 07:29

          nulla di cui dispiacersi. ho voluto rendere la cosa criptica, ma avevo bisogno di incatenarla fuori da me, nel tentativo di riuscire a guardare la situazione da fuori, come se mi riguardasse appena 🌹

          Reply
  8. Avatar gus 03/08/2019 at 08:35

    Il tempo porta via tutto, purtroppo anche il 404 e sotto la camicia da notte il corpo con tante rughe. Servirebbe il ferro da stiro.

    Reply
    1. digito digito 03/08/2019 at 10:22

      come diceva karr, “ plus ça change, plus c’est la même chose ” (più tutto cambia, più tutto resta uguale). non credo che il tempo porti via. cambia le cose, ma quelle che contano restano sempre con noi. in che forma, credo sia relativo.

      Reply
  9. Avatar gus 03/08/2019 at 10:31

    Mi fa piacere tornare in questo posto.

    Reply
    1. digito digito 04/08/2019 at 07:30

      gus, questa è anche casa tua

      Reply

commenta pure, lascia la scia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.