questa orgia fradicia di epistemologia dovrebbe avere un termine… ok, la smetto.

ci vuole un gran coraggio, per vedere l’amore in faccia.

ci vuole la volontà di scegliere una vita viva, sotto vigilanza di equilibrio nei pensieri, nelle parole e nelle azioni, ci vuole il coraggio di rifuggire da una morte per ostinata ignoranza. in altre parole, occorre lasciare una ciotola di latte davanti la porta e delle briciole di pane sul balcone, senza lamentarsi dei miagolii e delle tracce che lasciano i piccioni al loro passaggio.

ci vuole fede, e la fede è fondamento delle cose che si sperano e (nel contempo e per magia) e prova di quelle che non si vedono.

ci vuole integrità, ché il risultato del vivere senza integrità è quello di sentirsi ingannati, senza rendersi conto che si è vittime di inganni auto-confezionati. ed è triste.

ci vuole amore, per vedere l’amore in faccia. amore per ogni essere vivente, per le sue unicità, per i suoi orrori.

ci vuole la consapevolezza che, in seguito, anche se inseguito, la soluzione è nel problema. e l’unica soluzione è l’assoluzione.

te che leggi, ama. ama con tutto l’amore che provi. il tempo passa, amane ogni singolo momento.

(Visited 1.035 times, 1 visits today)

54 Comments

  1. Avatar francesco 12/12/2019 at 10:57

    amare va bene, purchè non sia gratis

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 04:52

      la gnagna deve essere gratis, l’amore lo paghi con il sangue 🙂

      Reply
  2. Avatar Daniele Verzetti Rockpoeta® 12/12/2019 at 11:17

    Ok sono profondamente commosso e toccato dal tuo post. Ne condivido ogni parola, ma ce ne sono alcune sublimi “… rifuggire da una morte per ostinata ignoranza”. Ecco, questa frase avrei voluto pensarla io e scriverla io, è straordinariamente bella ed efficace. Sei una rarità Germano, ed io ho la fortuna di conoscerla e sia pure virtualmente, di viverla.

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 04:52

      garbatissimo amico virtuale, se la frase di cui parli avresti voluto scriverla tu (cosa che mi riempie di orgoglio) mi piace pensare che mi sia uscita, foss’anche in modo inconscio, lasciandomi ispirare dalle tue, di frasi, che c’han dentro un mondo che gira. non escludiamolo, che ne dici? una sorta di sintonia. fa bello 🙂

      la rarità sei te, che dopo anni non smetti di superarti. e lo fai non per stupire gli altri, ma te. e c’è dentro una bellezza, in questa cosa, che fa tremare

      Reply
  3. Avatar Claudia 12/12/2019 at 15:35

    Io ho visto in faccia sia l’amore che la morte e non saprei dirti quale mi spaventi di più.
    Anzi, lo so. L’amore…

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 04:50

      per amare, garbatissima amica virtuale, ci voglion più palle di quante ne abbia la morte nel momento in cui verrà a prenderci. <3

      Reply
  4. Avatar Paola S. 12/12/2019 at 19:29

    Non è sempre facile amare momenti e persone. Bisogna amare incondizionatamente? Si può?

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 04:49

      se mi chiedi quanto sia possibile amare incondizionatamente, non ho una risposta. potrei dirti di sì, perché se qualcuno ci riesce, allora è possibile.

      però se ami, lo fai. senza aggettivi, avverbi o sostantivi a corredo. tutto il male che mi è stato fatto nella vita mi è servito per crescere. siamo certi di non dovere gratitudine ai momenti bui? quei momenti (momenti, appunto) che passano, perché niente è reale, tutto è in evoluzione.

      Reply
  5. Avatar Bertow 12/12/2019 at 20:17

    Si?
    No. No dai, no.
    Si?
    No.
    Voglio dire: se mi dici “dobbiamo amare la vita” ci sono. Pure un agnostico come me riconosce una sacralità e una “spiritualità” della e nella vita che deve essere sempre difesa. Ma l’amore, l’amore è una cosa preziosa. Una cosa importante che non può e non deve andare sprecata. Neofascisti, neonazisti, neosacrinquisitori, razzisti, omofobi o quant’altri che hanno rinunciato essi stessi alla loro umanità, sono meritevoli del mio amore? Devo amare pure loro? Se mi dici di evitare l’odio, ci sto pure dentro, ma l’amore, l’amore è troppo importante per sprecarlo. E te lo dice uno che ha sempre gettato le perle ai porci, ma solo perché ha sempre amato più i porci delle perle. Per cui:
    No, no dai, no!
    Si?
    No dai, no

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 04:47

      sai cosa credo? che l’amore sia talmente importante per chi lo prova, da gioire nel donarne a ogni essere vivente, e ogni essere vivente saprà cosa farsene.

      neofascisti, neonazisti e neocosi non sono diversi da me, hanno un senso olistico. poi non ci uscirei a bere una birra, ma questo è altro discorso, no?

      (la tua profondità va ben al di là di ciò che scrivi. sta tutta nel come scrivi, e sei meraviglioso)

      Reply
  6. Avatar Anonimo 12/12/2019 at 20:26

    Perdonami, e te lo dico sinceramente, ma già questa affermazione – presa a caso dal mazzo- : “’interpretazione a molti mondi, così come la spiegherei a un bambino di 3 anni con problemi di apprendimento o alla mia ex moglie…” contraddice la sublimità delle intenzioni.
    Poi, potremmo parlarne per una vita…
    Scusami ancora, ma se cerchi interlocutori sinceri, non posso esimermi da questa osservazione iniziale.
    Amare aggratis,
    amare tutti,
    assolvere…
    se ironizzi sempre, e sempre di gusto, sulla tua ex moglie sei credibile come come taluni preti ai cui fedeli si chiede di ascoltare le parole e non gli uomini che le hanno partorite.
    Se poi stai facendo semplice letteratura e chiedi al lettore di astrarre e di non considerare il contorno, beh, nulla da eccepire. Anche se il mondo non ha mai funzionato e mai funzionerà così; idealmente però sarebbe perfetto.
    A.

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 04:45

      ciao a.

      la sincerità è sempre bene accetta, in questo caso però, pur restando sincera, c’entra ben poco.

      sono responsabile di ciò che scrivo, non di ciò che capisce chi legge.

      amare tutti non vuole dire non sentire lo schifo. anzi, lo si sente come uno schiaffo. ma ci si passa sopra.

      il fatto che io ironizzi (“sempre” è avverbio che andrebbe bandito da ogni lingua, come “mai”) sulla
      mia ex moglie, se tu sapessi cos’ha fatto ai nostri figli, a me e a tutta la mia famiglia, capiresti che ho superato ogni
      legittima propensione all’odio e al risentimento. tant’è che ironizzo.

      altrettanto sinceramente, cercare di giudicare gli altri con i propri mezzi rende credibili come come taluni preti ai cui fedeli si chiede di ascoltare le parole e non gli uomini che le hanno partorite.

      amare tutti, dicevo, non vuole dire non tenere in mente lo schifo che fa certa gente, così come essere buoni non vuole dire essere stupidi e accettare soprusi senza limiti. chi dice “basta” smette di essere buono e diventa stronzo? perdavveramente?

      potremmo parlarne per una vita… sì.

      lo schifo lo vedo, vedo la miseria, vedo in continuazione gente che vomita addosso agli altri ciò che in realtà è in prima persona. ma vedo anche gesti d’amore (e faccio gesti d’amore, e ironizzare “sempre” sulla mia ex moglie ne è un esempio, a meno che tu non stia ribaltando su di me una condizione che ti riguarda e che non sai gestire, cosa che ti renderebbe (condizionale) di una dolcezza incredibile e, nel contempo, assai ingiusta e severa con te.

      sai quando sei davvero libero dal dolore e da chi ti ha fatto del male? quando riesci a riderci su.

      sai quando sei pronta a perdonare? quando non ricordi l’entità del torto.

      amare e perdonare sono due cose diversissime. una non contempla l’altra.

      rispetto la tua idea, e apprezzo la sincerità, quindi aspetto che tu sia sincera. perché non è l’ironizzare sulla mia ex moglie che ti dà fastidio.

      tra amare ed essere d’accordo con tutto c’è una gran bella differenza.

      è una gran botta d’odio ironizzare su una persona (come simbolo, come fantozziana presenza nella vita, magari per quel che ne sai una ex moglie non ce l’ho neppure), proprio una gran botta d’odio. mai fatto ricorso a un avvocato, mai sporto una querela quando ci sarebbero stati gli estremi per farne 100, mai detto una parola contro di lei davanti ai miei figli, non li ho mai lasciati cadere nel fango in cui cercava di trainarli, restando sempre lucido, equidistante e distaccato. però te, in un post in cui si parla di qualcosa di spessissimo (un universo che contiene universi) hai deciso di guardare il dito e non la luna. non lo trovi rivelatore?

      e amare a prescindere è una forma mentis, non la si spiega e non la si cerca, ci si apre quando ci si riesce a sintonizzare. fino a quel momento, è come lasciare che un cieco spieghi un quadro a un vedente.

      adoro quando qualcuno pensa che io sia stupido. lo adoro.

      Reply
  7. Avatar Anonimo 12/12/2019 at 23:29

    Se necesita voluntad para vivir una buena vida.

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 04:38

      “en conclusión, vivir una buena vida no es fácil porque require el esfuerzo de lo que llamamos vivir bien, que no es el simple estar aquí. precisa de trabajo y de lucha personal, pero vale la pena tanto para uno mismo como para el mundo que nos rodea. no se necesita de muchos recursos, pero sí de la firme voluntad de que un cambio es posible. tenemos delante todo un panorama de posible” (g. ortega)

      Reply
  8. Avatar Silvia 13/12/2019 at 08:59

    La vita è fatta di tentativi, errori, mete che sembrano raggiunte ma che restano sempre lontane, botte di culo, momenti perfetti e inaspettati, sorprese che ti tolgono il fiato, incazzature da infarto. A volte rancore. Dolore. Follia. Rinascita e cambiamento. Abbiamo un’essenza e mille modi per mostrarla e non siamo, per fortuna ed è la cosa più bella del mondo, tutti uguali. A volte non servono davvero né la psicanalisi né la filosofia, ma solo il buon senso e l’intuito. A volte basterebbe essere se stessi senza farsi condizionare da niente e nessuno, ma questo è quasi impossibile perché viviamo in una società. A volte dovremmo sentirci nudi come il primo secondo di vita , un attimo prima del primo respiro, quando siamo ancora sulla soglia che ci separa il mondo ideale e protetto da quello in cui il mondo si costruisce con la fatica. La fatica è meravigliosa. È soddisfazione. È carica. Bisogna insegnare la fatica oggi. Ne abbiamo perso il senso. C’è anche tanta ignoranza, e c’è chi crede fermamente che più ignoranti siamo più siamo disposti a vendere la nostra essenza in cambio di felicità effimere che contribuiscono solo a renderci schiavi di finte necessità, che diversamente neppure avremmo. Ma questa è una guerra contro i mulini a vento. Però io sono resistente. E penso di non essere la sola. 
    Non credo che questo sia un post buonista, o natalizio, o scritto da qualcuno che vive in un iperuranio in cui l’idea trionfa senza se e senza ma. 
    Siamo persone fallibili. Siamo persone migliorabili. L’assoluzione non è una pacca sulla spalla o cavarsela con dieci avemarie, è rimboccarsi le maniche è fare. Senza dire o scrivere troppe parole. Tipo me, che ho appena scritto il sermone di Santa Lucia ma mi sentivo ispirata 😉

    Reply
    1. digito digito 13/12/2019 at 10:20

      te sei un secolo aUanti. ma aUantissimo proprio, eh.

      evviva l’ispirazione. non sono d’accordissimo con tutto ciò che hai scritto, ma mi piace uguale. grazie di cuore

      Reply
    2. Avatar Metalveg 19/12/2019 at 23:15

      Ho amato ogni persona con la quale ho condiviso un pezzo di strada. Certo, amori diversi, ma pur sempre amore.
      Amo ogni mattina che mi accoglie, ogni abbraccio che mi scalda ma anche quelle notti interminabili e dolorose fatte di pensieri e lacrime.
      L’amore è un’attitudine, una capacità.

      Reply
      1. digito digito 20/12/2019 at 04:30

        c’è la possibilità che gli amori siano tutti diversi, mappursempre amore

        spero che di lacrime ne scendan poche, e che in ogni caso siano benedette già il giorno dopo.

        Reply
  9. Avatar Marina 13/12/2019 at 14:33

    Ama il prossimo (non ti sto consigliando di amare chi lascerà un commento dopo di me): io l’amore lo vedo in faccia solo quando dei perfetti sconosciuti mi mostrano di averne bisogno. Se non intervieni in quel momento, non lo hai davvero davanti agli occhi. Troppo facile riconoscerlo in chi ti vive accanto.

    Reply
    1. digito digito 14/12/2019 at 10:12

      credi sia giusto intervenire? sai che, e come al solito “capiti a fagiUolo”, me lo sto chiedendo senza cavarne un Bagno dal buco?

      Reply
      1. Avatar Marina 16/12/2019 at 07:56

        Si può intervenire in modi diversi, anche con soluzioni sbagliate, purché ci si accorga che c’è qualcuno che, comunque, ha bisogno di amore per dare un senso anche minimo alla propria esistenza. L’indifferenza è una punizione che nessuno meriterebbe.

        Reply
        1. digito digito 16/12/2019 at 08:10

          essere umano meraviglioso, mi sono spiegato male (faccio fatica a sintonizzarmi con la tua intelligenza e con la tua delicatezza). non sto parlando di indifferenza, mi chiedevo in realtà quanto sia legittimo intervenire senza una richiesta specifica, quanto “lasciare a sé” non sia già forma di amore. ma è un tema vasto, personale e forse inane.

          Reply
          1. Avatar Marina 17/12/2019 at 11:58

            Pardon, non avevo capito io! Qua è la tua profondità a eccellere: piccolo passo indietro mio. ☺️

            Reply
            1. digito digito 17/12/2019 at 18:33

              ma quale profondità? siamo seri, su. ovunque scrivi, ovunque lasci un commento, apri una finestra.

              Reply
  10. Avatar LaDama Bianca 14/12/2019 at 22:04

    Mi piace tanto la tua raccomandazione finale, ma devo dire che il post mi piace tutto.
    E non solo perché parla d’amore.
    Ma perché ne parla nel modo giusto. Parla di predisposizione all’amore, di apertura al prossimo, di volontà.
    Forse non c’è nulla che nasca davvero per caso. Per amare bisogna avere il coraggio di denudarsi un po’ e di mettersi in gioco, non è una roba facile, ma è una roba bella.
    Baci.

    Reply
    1. digito digito 15/12/2019 at 08:56

      eh, touché.

      aprirsi. secondo me è la parola d’ordine. aprirsi al nuovo, restare aperti, farsi trovare.

      che bella, la vita. è un alternarsi di gioie.

      Reply
  11. Avatar frida 15/12/2019 at 11:01

    Sì, ecco, coraggio ci vuole.
    Perché se ne fa un gran parlare, al passato, presente e futuro e in ogni campo dello scibile ( e tutti se lo spettano, lo sognano, lo rincorrono – specie i poeti! -). Ma l’amore non è quella cosa carina, dolce e perbenino che ti lascia sostanzialmente come sei. E’ uno stravolgimento fin dalle radici, è una tempesta; può essere anche un naufragio, ma certamente mai ti lascia intatto. E’ una cosa che a volte ti rende felice di averla incontrata, qualche altra volta una maledizione che vorresti non fosse capitata a te.
    Ma amore è anche la forza che tiene unito l’universo e muove il mondo ( mi addentro in un campo non mio, ma sto pensando alla fisica , alla chimica e alle leggi che regolano il cosmo ).
    Se invece vogliamo rimanere nella sfera spirituale, bisognerebbe ricordare che alla fine di tutto – nella Bibbia – si dice che saremo giudicati non in base alle opere, ma sull’amore che avremo dato.
    Quindi faccio mio il tuo appello finale : ” Tu che leggi, ama con tutto l’amore che hai… Il tempo passa, ma l’amore resta…)
    E grazie per avercelo ricordato.

    Reply
    1. digito digito 15/12/2019 at 16:08

      ci vuole coraggio più o meno per tutto. soprattutto per guardarsi dentro, accettare lo schifo e porvi riparo. coi gesti e con le parole, esprimendo amore per sé stessi, per sentirsi – come dici magistralmente – parte di un tutto.

      e per fare ricorso ai testi sacri, parafrasando a memoria (luca, credo): “tutto ciò che domandate nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi sarà accordato”.

      si tratta, come è ovvio che sia, di un precetto ben più antico di un vangelo: prevede consapevolezza, coraggio e azione.

      lo so che il mio post è banalotto, lo so. ma è scritto più per me che per chi lo legge.

      Reply
  12. Avatar Rachele 15/12/2019 at 11:55

    Esistono la fede e l’integrità?

    Reply
    1. digito digito 15/12/2019 at 16:09

      eh, bella domanda. esistono, secondo me, fede e integrità verso noi stessi. fedeli ai nostri principi, incrollabili davanti alle “tentazioni” (di qualsiasi entità queste siano).

      domande facili ne hai? sono più preparato, per quelle 🙂

      Reply
  13. Avatar Rachele 15/12/2019 at 17:28

    Parlami di quello che vuoi …

    Reply
    1. digito digito 15/12/2019 at 18:32

      ti parlo di ciò che hai bisogno, se lo desideri. perché non può essere tutto così, come lo diSpingi.

      Reply
  14. Avatar frida 15/12/2019 at 19:30

    Perché ” banalotto?”

    Non trovo nulla di banale in ciò che dici.
    Ma se ( putacaso) lo fosse, credo che non siamo qui per correggerci la punteggiatura… ma per un reciproco aiuto a quella ” consapevolezza” di cui tanto parliamo…
    Abbi una sera buona.

    Reply
    1. digito digito 16/12/2019 at 07:45

      mi piace la questione della reciprocità (sulla banalità ognuno ha un parere proprio, non torvo niente di eclatante in ciò che scrivo, sono pensieri notturni che blocco prima che evaporino).

      abbi una buona settimana. quando parti?

      Reply
  15. Avatar frida 16/12/2019 at 15:15

    Ahimè… sono già ritornata!

    Reply
  16. Avatar Straf 16/12/2019 at 15:42

    Érase una vez el amor pero tuve que comerlo.

    Reply
    1. digito digito 17/12/2019 at 18:46

      te c’hai una cultura superiore. sciapò. (traduco in buon francese: sciapò)

      Reply
        1. digito digito 17/12/2019 at 19:38

          mi stai dando dell’incompetente? apprezzo, grazie. tra l’altro ci sta, credo sia abbastanzamente vero

          Reply
          1. Avatar Straf 17/12/2019 at 20:23

            No, facevo la finta colta per una semplice citazione modificata.

            Reply
            1. digito digito 17/12/2019 at 21:07

              modificata, sì, ma con genio assoluto

              Reply
  17. Avatar moni 16/12/2019 at 18:17

    ….quanta vivacità ha dato vita il tuo scritto.
    Sorrido… è sempre bello quando si aprono dibattiti…. mi è piaciuto quando hai scritto “sono responsabile di ciò che scrivo, non di ciò che capisce chi legge.”
    credo che qua risieda il nocciolo dei blog…. (ok questa è un’altra storia….)

    …scrivere a volte è “un ripiego”…. un modo per analizzare un qualcosa che diversamente non vedresti…. e ogni volta che trovo qualcuno/a che scrive in modo “intelligente” ma nel senso che mi stimola ad altri pensieri per me è qualcosa di veramente magico….

    sull’amare… beh qua potremmo aprire libri, chiuderne, aprirne altri, richiuderli, parlare, parlare, parlare… piangere, ridere urlare….e tutto il resto.

    Fino ad una certa età ho vissuto piena di odio verso il genere maschile per motivi che non interessano in questa sede, ma per tutto quel tempo, la mia vita è stata condizionata in maniera assoluta…. Poi ad un certo punto “mi sono svegliata” e mi sono accorta che non ne valeva la pena….
    che il mio odio faceva male a me e basta…. Beh non è mica stato facile… e no. Io amo a prescindere è la mia natura…. ho anche un modo di amare diciamo “olistico” per cui avvolgo e mi lascio avvolgere…. poi ovviamente non sono amata da tutti e tanti non li sopporto proprio, ma ciò che faccio e vivo cerco nel mio piccolo di farlo con amore…. e la gratuità viene da se…. perchè nel momento in cui ho smesso di aspettarmi qualcosa in cambio è avvenuto il vero cambiamento. Nel senso…. patisco di più nel non amare che nel non essere amata….. e lì che il nocciolo del tutto…

    ovviamente sono uscita dal tema….
    ma proprio per il discorso iniziale è ciò che il tuo scritto mi ha “ispirato”…

    per tutto ciò….

    grazie mille…

    m.

    Reply
    1. digito digito 17/12/2019 at 18:41

      a me interessano tutti i motivi e in qualunque sede. ma sei certamente libera di fare ciò che ritieni, nel modo in cui ritieni.

      l’odio è una bestia brutta un bel po’, ma non provare nulla è ben peggio.

      la tua natura va benissimo, lasciarsi avvolgere è una dote brada, accogliente, è vestita di predisposizione all’apertura, mi piace davvero tanto.

      ma che bellitudine il tuo commento, grazie

      Reply
  18. Avatar frida 17/12/2019 at 13:14

    Mi sono ritrovata nelle tue parole ” patisco di più nel non amare, che nel non essere non amata…”.
    E non vorrei vedere il giorno in cui ciò dovesse accadere.
    Un abbraccio a te.

    Reply
    1. digito digito 17/12/2019 at 18:32

      tornata? pensavo non fossi ancora partita, a dire il vero. e come è stato? bellissimissimo?

      sono parole mie? perché credo che siano tue, invece? (almeno uno di noi ha l’alzheimer) 🙂

      EDIT: ho capito dopo. chiedo scusa. l’alzheimer ce l’ho io. ma lascio traccia della mia imbecillità. così è tutto trasparente, non si nasconde niente. meglio scemo che disonesto 🙂

      Reply
  19. Avatar Ithemorrighan 18/12/2019 at 09:27

    L’amore è fondamentale, è alla base dell’esistenza.
    Ma non sempre è la soluzione al problema, anche se molti problemi hanno in sè una radice dell’amore…

    Reply
    1. digito digito 18/12/2019 at 09:50

      l’amore è il motivo per il quale siamo al mondo. l’amare è, appunto come il mare, il motivo per il quale siamo in vita, torniamo alla vita, ritorniamo alla rivita.

      come dici te (secondo me, eh) molto spesso la soluzione è nel problema e, per vederla, occorre amore.

      grazie di essere passata, grazie davvero

      Reply
  20. Avatar Elisa 18/12/2019 at 20:45

    Mi commuovi.

    Reply
    1. digito digito 19/12/2019 at 07:57

      ti commuovi facile, te, eh? 🙂

      (tu resta fottutamente innamorata, il resto conta molto pochissimo)

      Reply
      1. Avatar Elisa 19/12/2019 at 13:18

        Facilissimamente.

        Reply
        1. digito digito 19/12/2019 at 14:37

          🌹 bella che sei

          Reply
  21. Avatar Mari 19/12/2019 at 00:26

    mi e’ piaciuto molto questo post ma non volevo commentare perche’ i commenti erano aperti.

    🙂

    fede, integrita’, consapevolezza… c’e’ tutto, soprattutto il gatto 😛

    Reply
    1. digito digito 19/12/2019 at 08:01

      non escludo che leggendo i tuoi post io mi sia lasciato – anche inconsapevolmente – influenzare.

      è che da te trasuda amore, passione, bellezza nell’uso delle parole. grazie. davveramente grazie

      Reply
  22. Avatar Angelina 27/01/2020 at 14:55

    tristezza

    Reply

commenta pure, lascia la scia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.